loghi istituzionali

Bibliografia - Martirologio clero

  Archivio articoli/Bibliografia - Martirologio clero

 

 

 martirologio   Martirologio del clero italiano nella II guerra mondiale e nel periodo della Resistenza 1940-1946,
Roma, Azione Cattolica Italiana, 1963 PDF

 

È un volume edito nel 1963 dall’Azione Cattolica, dedicata alla ricostruzione delle vicende di 729 tra vescovi, sacerdoti, religiosi, chierici, seminaristi e fratelli laici, periti nel contesto delle vicende belliche e resistenziali tra il 1940 e il 1946. Un contributo non immune da intenti apologetici e talvolta impreciso nella raccolta e interpretazione dei dati, ma strumento imprescindibile per affrontare la vicenda complessiva delal Chiesa italiana in questo periodo.

Nella prima parte del volume sono stati tracciati, in ordine alfabetico, i profili delle 729 vittime, registrando il cognome e nome, la diocesi o la famiglia religiosa d’appartenenza, quando possibile l’ufficio esercitato, la data, il luogo e la causa della morte, particolari significativi, eventuali riconoscimenti civili e militari.
Nella seconda parte, ampi e numerosi indici e tavole statistiche di consultazione.
Tra i morti e dispersi del clero secolare sono annoverati: 6 vescovi, 227 parroci, 38 vice parroci, 88 cappellani militari, 7 assistenti di ACI, 56 con altri uffici, 49 chierici e seminaristi.

Tra il clero regolare: 3 vescovi, 11 parroci, 3 vice parroci, 60 cappellani militari, 1 assistente di ACI, 16 missionari, 84 con altri uffici, 80 chierici e fratelli laici.
La ripartizione del clero secolare secondo le regioni conciliari vede la Toscana con 75 vittime, seguita dal Veneto con 63, dalla Romagna con 51, dal Piemonte con 47, dall’Emilia con 41, dalla Liguria, Lazio e Campania con 29, dalle Marche con 24, dalla Lombardia con 23, dalle altre regioni con indici inferiori.
La tavola che riporta la statistica secondo la causa di morte e di dispersione riporta: 57 morti in combattimento, 31 in prigionia, 18 nei campi di concentramento, 279 assassinati per rappresaglia o per odio di parte, 265 morti durante bombardamenti, 49 per malattia in servizio, 30 dispersi.
Le decorazioni militari e civili riportate nel volume con le relative motivazioni sono 73; di cui 8 medaglie d’oro al valor militare, 5 al valor civile, 1 della Resistenza, 2 varie; 30 medaglie d’argento al valor militare, 1 al valor civile; 12 medaglie di bronzo al valor militare; 14 croci di guerra.

Le tavole fuori testo riportano documenti fotografici.

 

 

 

 logo